ACCOLTELLA UN 33ENNE AL CULMINE DI UNA LITE PER FUTILI MOTIVI.

GIOVANE FERMATO DAI CARABINIERI PER TENTATO OMICIDIO.

Comunicato Stampa | Legione Carabinieri Lazio – Compagnia di Subiaco

SUBIACO (RM) – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Subiaco, con la collaborazione dei colleghi della Compagnia di Roma Montesacro, hanno rintracciato e sottoposto a fermo di indiziato di delitto un 24enne di Subiaco, con precedenti e già colpito da un avviso orale, per tentato omicidio ai danni di un 33enne sempre del luogo.

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, il pomeriggio del 18 aprile, nei pressi del capolinea Cotral di Subiaco, al culmine di una lite scaturita per futili motivi, il 24enne ha estratto un coltello e colpito ripetutamente al tronco la vittima, per poi far perdere le proprie tracce dopo essere salito a bordo di un bus diretto nella Capitale.

Le tempestive indagini hanno consentito di rintracciare, nel giro di qualche giorno, il malvivente all’interno di un appartamento ricavato dentro una ex casa di riposo, da diversi anni occupata, situata nella zona di Casalboccone. La perquisizione ha permesso di rinvenire e sequestrare un coltello, ritenuto essere l’arma utilizzata per il ferimento, e i vestiti, sporchi di sangue, indossati al momento dell’aggressione.

Il malcapitato si trova tutt’ora ricoverato in prognosi riservata.

Il fermato, al termine dell’interrogatorio di garanzia, è stato trattenuto presso il carcere di Roma Rebibbia.