La Superba si veste a festa e sfodera la sua anima ecologica. Il 14 e il 15 settembre va in scena “Tivoli in Green: dalla tradizione del pizzutello al futuro ecosostenibile”, una “due giorni” di eventi realizzati dal Comune di Tivoli attività produttive, con il contributo della Regione Lazio e dell’Asa Tivoli S.p.A., e in collaborazione con Rete d’Impresa “Tivoli e le vie dell’Acqua” e Rete d’Impresa “Tivoli incontra il polo turistico tiburtino”, Tivoli Forma, il CNA, Comitato Rione Colle, Slow Food Tivoli e Valle dell’Aniene e gli Orti Irrigui, in cui si vuol dar risalto all’alto livello di cultura ambientale del territorio, quale motore trainante di un’economia circolare virtuosa, dove le occasioni di ‘riuso’ della tradizione locale come la (‘Festa del Pizzutello’), divengono opportunità di promozione di una nuova vocazione turistica con a cuore non solo l’arte cittadina e il suo folklore. La manifestazione ha infatti l’obiettivo di rivisitare tradizioni del passato tramite la celebrazione, degustazione e approfondimento su uno dei prodotti simbolo del territorio come il pizzutello, e farle confluire in un presente di nuova connotazione ecosostenibile. Ci saranno momenti di musica, ballo, giochi d’altri tempi col supporto dell’associazione ‘Li giochi de na vota’, artigianato del riuso a cura dell’Associazione ‘Le Porte Belle di Memmagghiura’ e lo show cooking volto alla lotta contro lo spreco alimentare, diventeranno occasioni volte a sensibilizzare le persone ad adottare atteggiamenti di consumo e di vita responsabili. Il trait d’union sarà sempre l’uva, che animerà le strade e le piazze (oltre che Campitelli anche quella del Plebiscito e piazza Rivarola), con addobbi ed allestimenti ad hoc, e diventerà simbolo della kermesse attraverso la realizzazione di gadget a tema. Tanti, poi, gli spazi di intrattenimento, dalla performance della Fire Dixie Jazz Band che animerà il defilé green per le vie della città e la Cena del Borgo del Rione Colle, allo spettacolo di tango, entrambi il 14, per poi chiudere la manifestazione con la Gaudats Junk Band il 15 sera. Il Festival che si snoderà dal sabato pomeriggio all’intera giornata di domenica, sarà aperto ai cittadini e ai turisti, toccando il centro storico cittadino e, in particolar modo, la zona di piazza Campitelli e il Rione Colle, area contigua agli Orti Irrigui, luogo in cui è ancora possibile visitare la coltivazione a pergolato caratteristica del paesaggio tiburtino a ridosso del centro storico e della Villa d’Este.